MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero

B06XT2F4VT

MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero

MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero
  • Materiale esterno: Pelle
MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero MELLUSO S504V SANDALO Donna Nero
Lowa Renegade GTX Mid 3109454285 Scarponcini da trekking, nero nero, 485 EU
Sprichwörter
Foto d'archivio

L'istituto superiore "Leonardo Da Vinci" di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, durante l'inverno aveva ridotto le attività a causa dei termosifoni rotti. Ora 1.200 studenti e circa 120 professori dovranno tornare sui banchi dal 17 al 22 luglio per recuperare

S’immaginavano già al mare, o in vacanza chissà dove. Invece 1.200 studenti e circa 120 professori dell’istituto superiore “Leonardo Da Vinci” di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, dovranno tornare a scuola per sei giorni, dal 17 al 22 luglio. Il motivo? Devono completare il numero di ore di presenza obbligatoria dell'anno scolastico 2016-2017, dopo che lo scorso inverno l’attività era stata ridotta per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento.

Colpa dei termosifoni

VogueZone009 Donna Allacciare Tacco Basso Finta Pelle Scamosciata Puro Bassa Altezza Stivali Marrone
 è stata emessa dal preside, Fernando Cannizzo, d'intesa con il consiglio d'istituto e col consiglio dei docenti, dopo il ricorso di due professori che hanno ottenuto l'arrivo di ispettori scolastici. Durante l’inverno la scuola, a causa dei termosifoni rotti e della “mancata erogazione termica”, era stata costretta a ridurre l’attività per non costringere studenti e docenti a stare per troppo tempo al freddo. “I periodi di riduzione oraria –  si legge nella circolare del preside  – sono intervenuti dal 13 al 21 dicembre 2016 e dal 19 gennaio al 15 febbraio, per un totale di 32 giorni lavorativi”. Poi, a marzo, la situazione era tornata alla normalità e si pensava che la faccenda fosse chiusa. Qualche giorno fa, invece, è arrivata l’ordinanza del direttore: dal 17 al 22 luglio, “obbligo di frequenza per gli studenti” e “ferie revocate” per i docenti.

Famiglie sorprese

La notizia, come racconta il quotidiano La Sicilia, ha colto di sorpresa centinaia di famiglie, che già stavano per partire per le vacanze o comunque avevano altri programmi per la terza settimana di luglio. Secondo alcuni esperti, mentre per i docenti che non si presenteranno la scuola potrebbe recuperare quote dello stipendio non dovuto, per gli studenti sarebbe a rischio l'esito degli scrutini di promossi e ammessi alla maturità.

Esplora  è solo l’ultima novità nell’elenco delle attrattive dedicate ai bambini che potrete visitare durante il vostro  viaggio  a Malta. Imperdibile il  National Aquarium  famoso per il suo tunnel di vetro attraverso cui vivere l’esperienza di una passeggiata sottomarina, ma anche per i tanti progetti in collaborazione con associazioni e gruppi di ricerca e salvaguardia dell’ecosistema marino.

Ben posizionato nella classifica di gradimento delle attrazioni, un’altra attrattiva declinata a promuovere esperienze didattiche pur con un occhio al divertimento, è il  Mediterraneo Marine Park  a Sliema, ideato per promuovere la conoscenza della fauna marina nel Mediterraneo.

Ma la più famosa attrattiva per bambini a Malta è certamente il  Popeye Village : un parco divertimenti, che d’estate è anche stabilimento balneare nella pittoresca caletta di Anchor Bay, e che è stato costruito sul set originale del film  Popeye  (1980) con Robin Williams.

  • Matrimonio Trieste
  • Matrimonio Udine
  • Accolti gli appelli del ministero dei Beni culturali contro le due sentenze del Tar Lazio che avevano dato ragione al Campidoglio

    24 luglio 2017
     Il Consiglio di Stato dà il via libera al parco archeologico del Colosseo e dice sì anche alla nomina anche di direttori stranieri del parco stesso. La Sesta sezione del Consiglio di Stato, con due sentenze pubblicate oggi, ha accolto gli appelli del ministero dei Beni culturali contro le due sentenze del Tar Lazio che avevano accolto i ricorsi di Roma Capitale in relazione all'istituzione del Parco archeologico del Colosseo e alla nomina con selezione pubblica internazionale del suo direttore.

    "Ripartono il Parco Archeologico #Colosseo e la selezione internazionale per il direttore", ha scritto su Twitter il ministro per i Beni culturali e il Turismo, Dario Franceschini.

    Nelle sentenze depositate oggi il Consiglio di Stato si pronuncia su tre questioni: quella del necessario coinvolgimento di Roma Capitale nel processo decisionale; quella della fonte istitutiva; quella in merito al conferimento dell'incarico di direzione del Parco archeologico del Colosseo anche a cittadini non italiani. La prima riguarda la necessità di coinvolgere, per assicurare il principio di leale collaborazione, Roma Capitale nella fase di istituzione del Parco archeologico. I giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto che sia necessario distinguere la fase di organizzazione amministrativa da quella di esercizio delle funzioni di valorizzazione del patrimonio culturale.

    La prima fase, che viene in rilievo con la istituzione del Parco - poichè riguarda la creazione di uffici dirigenziali statali - rientra nell'esclusiva competenza legislativa dello Stato e amministrativa del dicastero. L'esigenza di assicurare il principio di leale collaborazione viene in rilievo nella seconda fase che è quella della gestione dei beni. La seconda questione affrontata dal Consiglio di Stato è relativa alla natura della fonte istitutiva del Parco. I giudici d'appello hanno ritenuto che la legge speciale di disciplina della materia autorizzasse il ministero ad adottare un decreto non regolamentare. La terza questione esaminata ha riguardato la possibilità che incarichi, nello specifico quello di direttore del Parco archeologico, possano essere attribuiti anche a cittadini non italiani. Secondo i giudici di Palazzo Spada, il diritto europeo e la giurisprudenza della Corte di Giustizia ammettono che sia consentita una riserva di posti a soli cittadini italiani, con deroga al principio generale di libera circolazione dei cittadini europei, ma questa riserva è possibile soltanto in relazione a posti che implicano l'esercizio, diretto o indiretto, di funzioni pubbliche, quali sono, in particolare, quelle nei settori delle "forze armate, polizia e altre forze dell'ordine pubblico, magistratura, amministrazione fiscale e diplomazia". Nel caso in esame, il Consiglio di Stato ha ritenuto che il direttore del Parco non è chiamato a svolgere tali funzioni, in quanto il bando di gara gli attribuisce compiti che attengono essenzialmente alla gestione economica e tecnica del Parco. E quindi si è ritenuta legittima - da parte del Consiglio di Stato - la previsione di una selezione pubblica internazionale.

    Franceschini ha anche annunciato che il direttore generale dell'Unesco Irina Bokova farà parte del consiglio di amministrazione del nuovo parco archeologico.

  • Matrimonio Frosinone
  • Matrimonio Latina
  • VICINO A TE - ONLINE E IN FILIALE

    INFORMAZIONI E SERVIZI

    ASSISTENZA E DOMANDE

    RECLAMI E RISOLUZIONE CONTROVERSIE

    Gruppo Intesa Sanpaolo

    Banche dei Territori

    Normative

    Accessibilità